mercoledì, agosto 09, 2006


TRADUZIONE. 01: Falsi amici - Ieri sera su Paramount Comedy hanno dato na puntata della serie South Park (IV stagione, episodio 56, "Something you can do with your finger"). Dovendo fondare una boy-band, Cartman chiede consiglio a Chef che gli dice (nella versione italiana) di infilarsi "un'anguria" nei pantaloni (al fine di scatenare l'effetto Gomlich tra le fan...). Ma quando alla fine i nostri amici si esibiscono è inequivocabile che Cartman - in tutta la sua bidimensionalità - nelle mutande si è infilato un cetriolo (in inglese "cucumber"). Da "cocomero" ad "anguria" il passo è breve... che sia stata l'assonanza a trarre in inganno i responsabili dell'edizione italiana?

9 commenti:

Piobove ha detto...

su Paramount hanno sbandierato tanto il fatto che S.P. è stato ridoppiato più fedele all'originale ecc.ecc...boh.. sarà che ero abituato al doppiaggio vecchio, ma lo trovavo più divertente.

Andrea ha detto...

Di sicuro le "parolacce" ci sono tutte (e in questo apprezzo la fedeltà...), ma forse un po' più di attenzione (stando anche al commento di Neikos) ci andava messa. So bene che possono esserci condizioni lavorative proibitive (lo so MOLTO BENE), ma alcune cose possono essere evitate molto facilmente...

Neikos ha detto...

Il doppiaggio vecchio edulcorava molto parolacce e battute pesanti ma i doppiatori coinvolti erano certamente più bravi.
Quello attuale pur restando più fedele, come ho già scritto è spesso funestato da errori di traduzione frequenti e spesso banalissimo, a ciò si aggiungono alcune scelte di traduzione corrette ma poco felici che almeno a me fanno storcere il naso. In alcuni casi ci mettono del loro anche i doppiatori sbagliando clamorosamente la pronuncia di nomi e luoghi.
Insomma a mio parere la scelta migliore rimane quella di proporre South Park in originale con sottotitoli come aveva fatto Jimmy (sempre su satellite) qualche tempo fa.

Ah, questo blog mi piace un sacco!

Andrea ha detto...

Beh, grazie... spero solo di riuscire a mantenere le attese ;-P!
Come avevo precisato "sul forum The Vicious Cabaret" "non vuole essere solo un blog di pagliuzze nell'occhio (che poi le travi finisce che saltano fuori). Ho rotto il ghiaccio con quel che mi girava in testa... i prossimi saranno sul nuovo romanzo di Pynchon, sul romanziere che sto traducendo (hanno rimandato l'uscita del primo romanzo... uffa!), su quello che ho tradotto e dovrò tradurre, su quello che NON sto leggendo e su quello che mi passa per la testa (ad esempio, biblioteche, I Briganti di Magnus e il romanzo da cui è tratto, i fondi di genere - giallo, noir, fantascienza e Mystfest del Centro Culturale Polivalente di Cattolica)... tutto rigorosamente per frammenti.
A presto Neikos...

Piobove ha detto...

bravo neikos, hai espresso perfettamente quello che volevo dire e cioè che aldilà delle scelte di traduzione (su cui non posso metter becco non conoscendo gli originali) anche a me sembravano decisamente meglio i vecchi doppiatori.

D'accordo anche sul fatto che il meglio sono gli originali sottototitolati, tra l'altro a casa mia l'argomento doppiaggio è spesso fonte di discussioni domestiche: essendo mia moglie straniera era abituata a guardare film e telefilm in lingua originale coi sottotitoli e spesso e volentieri mi sfotte a sangue quando capita di guardare qualcosa doppiato in modo quantomeno "fantasioso" (ad esempio a distanza di anni ancora mi sfotte per Darth Vader/Lord Fener)

neikos ha detto...

"ad esempio a distanza di anni ancora mi sfotte per Darth Vader/Lord Fener"

E come darle torto...
Anche a casa mia si discute spesso di doppiaggio quello di South Park è quello che ci fa incacchiare di più in questi giorni. :D
Anche quello dei Griffin non scherza non tanto perchè sia scorretto o fatto male (anzi l'esatto contrario) quanto per l'edulcorazione di alcuni termini.
Comunque anche io quando posso guardo film e cartoni in originale.

Hobbes ha detto...

Mi pare si tratti di un chiaro caso di "falso amico", quelle parole inglesi in cui anche esperti traduttori cascano ogni tanto. In generale comunque le traduzioni di Sp mi paiono buone, anche se, come spesso nella tv italiana, molto "creative". E lo dico senza aver visto una puntata di Sp on originale eh :P

Hobbes ha detto...

Ah, evidentemente avevo letto male il tuo pezzo Andric, visto che citavi gia te i falsi amici... vabbe... ma non si possono modificare i commenti:P?

Antonio ha detto...

Viva i sottotitoli!
E viva Andrea...
The only niggas realer than me are in the mess hall with their chest out...
ahah